Posts contrassegnato dai tag ‘demolicious’

È giunta l’ora: mi sono appena accorta che in quasi trenta articoli non ho mai parlato del mio gruppo preferito (da quando avevo 10 anni), i Green Day.

Leggendo più avanti però credo capirete anche il perchè. Partiamo con ordine: come ormai molti sapranno, il 19 Aprile, in occasione del Record Store Day, la band ha rilasciato un nuovo album: Demolicious. “Nuovo”, insomma, questo è tutto da vedere.

Se infatti andiamo ad analizzare la Track List, di nuovo c’è ben poco. Tutti i pezzi infatti risalgono ad Uno, Dos e Trè, quei grandissimi capolavori che i nostri tre amici avrebbero potuto anche risparmiarci.

Non fraintendetemi, come ho già detto all’inizio sono la mia band preferita e non smetterò mai di ascoltarli, ma quei tre album non hanno nemmeno avuto il piacere di entrare nel mio ipod, e questo dice tutto.

Già infatti con l’uscita di 21st Century Breakdown il loro sound era un po’ calato, ma mai avrei immaginato un declino simile. Ho avuto l’impressione che abbiano voluto stra fare per tirar fuori a tutti i costi tre cd fatti male quando invece avrebbero potuto concentrarsi e pubblicarne uno solo ma decente.

Non tutte le canzoni infatti sono da buttar via, ma nell’insieme sono davvero troppe e tutte simili.

Speravo quindi che Demolicious non fosse un’altra delusione, anche perchè la copertina prometteva davvero bene: sembrava si fosse tornati al tempo di Dookie.

E invece ecco la fregatura, analizziamo insieme le tracce:

1.

“99 Revolutions” (demo)

¡Tré!

2.

“Angel Blue” (demo)

¡Uno!

3.

“Carpe Diem” (demo)

¡Uno!

4.

“State of Shock”

5.

Let Yourself Go” (demo)

¡Uno!

6.

“Sex, Drugs & Violence” (demo)

¡Tré!

7.

“Ashley” (demo)

¡Dos!

8.

“Fell for You” (demo)

¡Uno!

9.

“Stay the Night” (demo)

¡Uno!

10.

“Nuclear Family” (demo)

¡Uno!

11.

Stray Heart” (demo)

¡Dos!

12.

“Rusty James” (demo)

¡Uno!

13.

“A Little Boy Named Train” (demo)

¡Tré!

14.

“Baby Eyes” (demo)

¡Dos!

15.

“Makeout Party” (demo)

¡Dos!

16.

Oh Love” (demo)

¡Uno!

17.

“Missing You” (demo)

¡Tré!

18.

“Stay the Night” (acoustic)

¡Uno!

Basta un colpo d’occhio per capire che sono tutti brani presi da Uno, Dos e Trè. L’unica canzone originale è State of Shock e ammetto che non è male. Stay The Night compare addirittura due volte, di cui l’ultima in versione acustica.

Quello che ora mi chiedo è: se avete pubblicato il meglio di tre cd, non facevate prima a far uscire direttamente questo? A me sembra solo una trovata commerciale, e questo mi delude profondamente.

Grazie al cielo nei loro concerti non mancano mai le loro hit d’oro tratte da American Idiot, Dookie, Kerplunk e via dicendo, altrimenti credo che se tornassero in Italia questa volta sarei la prima a snobbarli.

Cari Green Day, questa volta ci avete demolito letteralmente.