Gp del Brasile: Vettel l’invincibile, Webber e Alonso sul podio

Pubblicato: novembre 24, 2013 da Matteo Pifferi in Motorspace, Sport
Tag:, , , , , , ,

vettel

Non c’è stata la pioggia che ha contraddistinto il week-end prima della gara ma le emozioni non sono mancate in Brasile nell’ultimo atto del Mondiale di F1, sul circuito di Interlagos. Come sempre a trionfare è stato Vettel (Red Bull), alla nona gara consecutiva vinta, che ha tagliato il traguardo davanti al compagno di team Mark Webber che chiude con un secondo posto l’esperienza in Formula 1. Terzo Alonso (Ferrari) che torna sul podio dopo un’astinenza di 5 gare, che precede un ottimo Button (McLaren) al miglior risultato stagionale. Quinto Rosberg (Mercedes) che nel finale si difende dagli attacchi di Perez (McLaren) e permette alla sua scuderia di guadagnare la seconda posizione del mondiale costruttori a scapito della Ferrari. Chiudono la zona punti Massa, Hulkenberg, Hamilton e Ricciardo.

Al via le Mercedes scattano meglio di tutti con Rosberg che passa Vettel alla prima curva e si prende la prima posizione mentre Hamilton supera Alonso ed è terzo. Vettel però non ci mette molto a tornare leader e infatti, alla fine del secondo giro, sfrutta la scia di Rosberg e si prende la testa della corsa. Alonso intanto si riprende la terza piazza sorpassando Hamilton e al quarto giro scavalca anche Rosberg ed è secondo. Dietro inizia la rimonta di Webber che si concretizza al 13°giro con il sorpasso su Alonso, portando l’australiano in seconda posizione.
Dopo la prima sosta la classifica sembra delineata con Vettel che ha 10 secondi di vantaggio su Webber, con Alonso che prova a tenere il passo dell’australiano. Al 31°passaggio drive through per Massa, reo di aver tagliato la linea che delimita la pit-lane, salvo poi rientrare in pista e non nella corsia box. Il brasiliano con quella manovra ha compromesso la sua gara – chiuderà settimo –  visto che era in quarta posizione prima della penalità.
Al 47° giro si raggiunge il culmine delle emozioni: dapprima c’è un contatto tra Bottas (Williams) e Hamilton, col finlandese che è costretto al ritiro, mentre l’inglese perde la posteriore destra ed è costretto a percorrere tutto il giro lentamente prima di rientrare ai box. Verrà poi sanzionato con un drive through, reo di aver causato il contatto. Davanti invece Vettel rientra ma i meccanici si dimenticano l’anteriore destra, costringendo il tedesco ad una sosta lunghissima.

Dopo questo momento di grande imbarazzo Vettel non si scompone e porta a casa la 13°vittoria stagionale – eguagliato il record di Schumacher del 2004 -, la nona consecutiva, cosa mai accaduta prima e se si pensa ai 397 punti nel mondiale (la Mercedes che alla fine è seconda nei costruttori è arrivata a 360!), si capisce la grandezza di Vettel.
Webber invece chiude la carriera in F1 con un secondo posto, terzo invece Alonso che, con una macchina decisamente inferiore, ha fatto il massimo.

Ora si volta pagina, la stagione 2014 porterà molti cambiamenti – uno su tutti l’introduzione dei nuovi motori turbo V6 a 1600 cm³ di cilindrata – ma l’uomo da battere rimarrà Vettel. La speranza degli appassionati è che vi sia almeno più battaglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...