STEVEN, IL RIVOLUZIONARIO

Pubblicato: novembre 16, 2013 da Andrea Baldeschi in Cinexperience
Tag:, , , , ,

Jobs
“Perchè coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero”

Raccontare la vera storia di un personaggio famoso non è mai cosa semplice. Appassionare il pubblico e trasportarlo all’interno del mondo di un visionario intelligente quanto testardo come Steve Jobs è impresa per pochi. Eppure, il film biografico uscito nelle sale cinematografiche un paio di giorni fa non è affatto male, anzi. Attraverso gli occhi di Jobs, riviviamo il magico mondo degli anni 80, quando ci si emozionava alla vista di uno schermo capace di proiettare l’immagine di una pallina che colpisce alcuni ostacoli, quando il motore della vita umana non era rappresentato da uno smartphone, bensì dai rapporti umani. Certo, scrivere queste cose ed accingersi a raccontare la nascita e lo sviluppo della Apple INC. pare alquanto opportunista. La verità è che Stern, il regista, prova a dare un taglio anti-conformista alla storia: non per nulla, il racconto si conclude nel 2001, anno di nascita del primo dispositivo I-POD (erroneamente viene definito nel film come il primo lettore musicale tascabile, anche se in realtà già nel 1998 era stato creato e commercializzato il lettore mp3 MPMan  F10), senza spingersi oltre. Tutto sommato, la scelta di Stern è azzeccata: sarebbe stato troppo semplice, prevedibile, tessere le lodi dei vari I-PHONE, I-PAD e così via, sino ad arrivare al tragico giorno della morte di Jobs, il 5 Ottobre 2011. In questo modo, invece, viene presa in considerazione l’adolescenza di un ragazzo qualunque, spensierato, con un sogno nel cassetto: cambiare il mondo. L’interpretazione che Ashton Kutcher dà al protagonista della storia, poi, è impareggiabile, persino nei piccoli gesti, come ad esempio la tipica camminata a spalle curve che ha contraddistinto l’ideatore del Macintosh.
Insomma, un bel film, drammatico ed avvincente al punto giusto, simile nella sua logica a The Social Network (il lungometraggio dedicato a Zuckerberg, il creatore di Facebook). Se siete appassionati di Apple, se possedete anche solo un I-Phone (l’affermazione è ovviamente retorica), dedicate un paio d’ore a Jobs. Conoscerete la storia di un uomo, non di una star.

Voto: 7/10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...