VETTEL VINCE ANCHE IN COREA DAVANTI ALLE LOTUS. DELUSIONE FERRARI

Pubblicato: ottobre 6, 2013 da Danilo Motta in Motorspace, Sport
Tag:, , , , , , , ,

Sebastian Vettel, vincitore del GP di Corea.

 

Sebastian Vettel (Red Bull) conquista anche il GP di Corea, corso sul circuito di Yeongam, precedendo le Lotus di Raikkonen, autore di una grandissima rimonta dalla 10°posizione in griglia e di Roman Grosjean. Quarto un grandissimo Hulkenberg (Sauber), che eguaglia il miglior risultato in carriera, che tiene dietro Hamilton (5°) e un deludente Fernando Alonso, giunto sesto con una Ferrari non all’altezza. Completano la zona punti Rosberg (Mercedes), Button (McLaren), Massa (Ferrari) e Perez (McLaren). Out Webber con l’altra Red Bull.

Al via, Vettel riesce a mantenere la leadership mentre alle sue spalle Grosjean riesce a sopravanzare Hamilton. Dietro, Massa cerca di guadagnare delle posizioni ritardando la frenata ma finisce in testacoda e deve ripartire dall’ultimo posto.

Nei primi giri Grosjean e Hamilton sembrano tenere il passo di Vettel, ma la sensazione è che il tedesco non stia spingendo al massimo. Rosberg intanto è quarto davanti a Hulkenberg che resiste agli attacchi di Alonso e Raikkonen.

Al nono giro, il finlandese passa il suo prossimo compagno di scuderia, si prende la sesta posizione e da qui inizia la sua rimonta. Hamilton intanto è in chiara difficoltà -perde addirittura sei secondi al giro dai primi- e Rosberg si avvicina.

Colpo di scena al giro 28; Rosberg tenta il sorpasso sul compagno ma, nel tentativo, il suo musetto si stacca leggermente facendo toccare l’ala per terra e provocando pericolose scintille. 3 giri più tardi, Perez perde pericolosamente il battistrada dell’anteriore destra, causando l’ingresso della Safety Car, che si mette davanti a Vettel, che guida il gruppo davanti a Grosjean e Raikkonen. Dopo il rientro della safety, il finnico sopravanza il francese e prova a dare l’inseguimento a Vettel. Dietro intanto Sutil centra Webber sul radiatore ed è costretto al ritiro con la vettura che prende fuoco. I commissari non sono nei paraggi e perciò la direzione corsa manda in pista (in un modo azzardato)la macchina dei pompieri ancor prima della Safety Car.

Nonostante questi attimi concitati, Vettel porta a casa l’ottava vittoria stagionale, la 34° in carriera. Ora i punti di vantaggio su Alonso sono 77 a 5 gare dalla conclusione. Se Vettel dovesse vincere il prossimo Gp – il prossimo week-end in Giappone- e Alonso dovesse arrivare nono o fare peggio, il tedesco sarebbe matematicamente campione del mondo. La sensazione è che se non sia in Giappone, sarà la gara dopo. Troppo è il divario tra Vettel (e la Red Bull) e tutti gli altri.

 

Matteo Pifferi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...