PARAPPA-PARAMORE

Pubblicato: settembre 16, 2013 da Andrea Baldeschi in Note Bionde
Tag:, , , ,

Lunedì 9 settembre, ore 13: I primi fans si dirigono già verso le varie stazioni di tutta la penisola per raggiungere Bologna: il concerto dei PARAMORE è alle porte.

Raggiunto l’Estragon dopo un breve viaggio in bus, si accorgono di non essere i primi, ma di avere ben 20 ragazzi impavidi davanti a loro, che sono li già da quattro giorni.
Per fortuna il locale si trovava dentro l’Arena parco nord, ricca di bancarelle dove i giovani avrebbero potuto rifocillarsi per poi affrontare la lunga notte per strada, dato che la fiera sarebbe stata chiusa, per loro sfortuna, alle 2.

Ore 6: dopo una notte trascorsa a cantare ed ascoltare musica iniziano ad arrivare altri fans, che rientrano nel parco con i più mattinieri l’ora successiva.
Ovviamente non sono mancati i litigi di chi superava la fila, dopo essere arrivato magari già nel pomeriggio.

Ore 12: arrivo del bus della band e del camion degli strumenti.

Ore 15: inizio del soundcheck. I fans più attenti riconoscono nella scaletta del “Self-titled tour” le stesse canzoni suonate alla prima data di Dublino.

Ore 18.30: i ragazzi più fortunati entrano per il Meet&Greet vinto tramite Virgin radio e altri concorsi.
I “superstiti” riescono ad entrare nel locale, notando con molto piacere la disponibilità dei Bodyguards e la buona organizzazione del palco, a differenza della precedente data italiana tenutasi a Giugno all’Ippodromo del Galoppo di Milano.

Ore 20.00: La band di apertura finalmente apre le danze. Sono i Fenech-Soler, non molto conosciuti ma che conquistano subito l’approvazione dei ragazzi dell’Estragon.

Ore 21.10: Finalmente il tanto atteso momento arriva e Hayley, Jeremy e Taylor salgono sul palco.

Scoppiettante inizio con due brani del nuovo album: Grow Up e Fast In My Car che scaldano subito l’atmosfera.

Segue la classica frase urlata ormai all’inizio di ogni concerto: “In case you didn’t know.. WE ARE PARAMORE!”
La scaletta è vincente e combina alla perfezione vecchi brani come Decode e Ignorance a pezzi nuovi quali Now.
Ma è prima di intonare Last Hope che la cantante si prende qualche minuto per spiegare come questo brano sia stato scritto per i loro Fans, per dare speranza e aiutarli tutti i giorni con la loro musica. E la frizzante rossa si lascia scappare qualche lacrima durante il brano.

Verso la fine, durante Misery Business, una ragazza viene anche fatta salire sul palco per cantare con la Williams e scatenarsi con la band.
La ricca scaletta giunge a conclusione con Still into you, una delle canzoni più belle e famose dell’ultimo album.

Ma le sorprese non finiscono. Il tweet della cantante pochi minuti dopo il concerto riempie i cuori dei ragazzi un’ultima volta: “Hey Bologna, that show was so good for my soul. The sweatiest, the smelliest, soul-full crowd. Thank you. #ParamoreInItaly.

Isabella Castelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...